gatt(A) randagi(A)

Mettevo la testa fuori dal finestrino e il vento mi scompigliava i capelli. Mi volavano in tutte le direzioni . frustavano delicatamente il mio viso mentre trattenevo il respiro tenendo gli occhi chiusi. Il naso si arricciava e le guance erano arrossate dai moscerini che si erano schiantati sulla mia pelle. Alla radio suonavano belle canzoni di vecchia musica leggera italiana, tipo nada o altro.
Mio padre e mia madre si tenevano la mano sul cambio della fiat bianca. “ma che freddo fa, se manchi tu.”

Mia madre smise di somministrarmi pastiglie di fluoro,perché in ucraina in un posto chiamato Cernobyl era esplosa la centrale nucleare. I pediatri si preoccupavano del fluoro dei bambini italiani. In ucraina i bambini invece cominciarono a nascere deformi e ad alcuni crebbero tumori grandi come pugni. Io, vivevo in campagna e mi dispiaceva molto non prendere più quelle deliziose pastiglie di fluoro.
Nelle brucianti…

View original post 387 altre parole

Annunci